Questo sito non utilizza cookie persistenti e raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione, mediante cookie installati da terze parti autorizzate, rispettando la privacy dei tuoi dati personali e secondo le norme previste dalla legge. Continuando a navigare su questo sito, cliccando sui link al suo interno o semplicemente scrollando la pagina verso il basso, accetti il servizio e gli stessi cookie. Per saperne di più leggi la Privacy policy.

Nocciòlo

È un arbusto o un piccolo albero che può raggiungere i 7 m di altezza, poco longevo e molto ramificato fin dalla base.

Le foglie sono alterne, semplici e picciolate, con stipole caduche; la lamina arrotondata, cordata alla base e appuntita all'apice, dentata e lobata, di colore verde scuro e poco pelosa nella pagina superiore, più chiara e tomentosa in quella inferiore; le nervature sono evidenti.

I fiori sono raggruppati in infiorescenze unisessuali, presenti su ciascuna pianta (monoici), quelli maschili in amenti cilindrici, penduli a gruppi di 2-4, quelli femminili in gruppi gemmiformi grandi circa 5 mm.

Il frutto è un achenio globoso, solitario o a gruppi (fino a 12), protetto da un involucro erbaceo irregolarmente dentato.

Molto nutriente, energetico e molto digeribile; inoltre è vermifugo. I fiori maschili sono sudoriferi, le foglie depurative.

NB: tutte le informazioni e le illustrazioni presentate in questa sezione sono tratte dal volume "Curarsi con erbe, radici, foglie e fiori" di Emanuela Borio, edito da Editrice VELAR di G. Serra.

Nocciòlo